Consulenza gratuita

800 901 905

Se vuoi chiamiamo noi

Stranieri in Italia: l’integrazione passa attraverso i prestiti

News prestiti
News prestiti
Stranieri in Italia: l’integrazione passa attraverso i prestiti

Stranieri in Italia: l’integrazione passa attraverso i prestiti

Stranieri in Italia: l’integrazione passa attraverso i prestiti
cornice immagine news

Pubblicato il
a cura di

Secondo il “Rapporto sulla domanda di credito da parte dei cittadini italiani” presentato da Crif, il grado di integrazione bancaria e finanziaria degli stranieri in Italia è elevato,  come testimonia l’aumento delle richieste di prestiti e mutui, con percentuali diverse a seconda del paese di provenienza.

I cittadini rumeni sono primi nella classifica dei prestiti on line e tradizionali, con oltre un quinto delle richieste; a seguire albanesi e marocchini, rispettivamente con il 6,1% e il 5,7% delle richieste totali. Un ventisettesimo posto inaspettato, invece,  per la comunità cinese, nonostante la sua capillare presenza sul territorio nazionale. Se si osserva l’importo medio richiesto, alle prime posizioni si attestano olandesi con 58.387 euro, spagnoli con 37.854 euro e austriaci con 36.138, mentre rumeni, filippini e marocchini si posizionano in fondo alla classifica, con circa 10.000 di media.

Si può quindi affermare che la domanda di credito rappresenta uno dei driver principali per l’integrazione economica e sociale dei cittadini stranieri in Italia.

© 2010-2018 FairOne S.p.A. - P. IVA
- Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM n. M215 - PrestitiSupermarket.it è un servizio a Impatto Zero ©
Richiesto