Consulenza gratuita

800 901 905

Se vuoi chiamiamo noi

Spread: termine inglese che fa sempre “la differenza”

News prestiti
News prestiti
Spread: termine inglese che fa sempre “la differenza”

Spread: termine inglese che fa sempre “la differenza”

Spread: termine inglese che fa sempre “la differenza”
cornice immagine news

Pubblicato il
a cura di

Lo spread è un termine di origine anglosassone che significa differenziale. Nel settore dei mutui, quando si parla di spread, si intende la percentuale di guadagno della banca, mentre nel settore obbligazionario rappresenta il termometro della fiducia degli investitori. In sostanza, è il differenziale di rendimento tra i titoli di Paesi diversi su una medesima scadenza.

Negli ultimi mesi è tornato alla ribalta lo spread tra i rendimenti dei titoli di Stato tedeschi e i rendimenti dei titoli governativi italiani e degli altri paesi dell'Eurozona. Per dare un'idea della variazione della fiducia degli investitori nei confronti dell'Italia, si rammenta che lo spread BTp/Bund a inizio 2010 era intorno a 71. Da allora, il differente andamento dell’economia tedesca rispetto a quella italiana ha fatto risalire lo spread che, nei primi giorni di luglio, ha raggiunto quota 184, mentre in questi giorni ha sfiorato quota 400.

Lo spread tra i Btp italiani e i Bund tedeschi indica quanto i titoli di Stato italiani devono pagare in più rispetto ai Bund per trovare degli investitori disposti ad acquistarli. Più aumenta lo spread e più l'Italia e anche il nostro sistema bancario vengono percepiti come rischiosi dai mercati finanziari. Con uno spread ad esempio di 300 punti base, i Btp rendono il 3% in più dei Bund con il conseguente aggravio per le nostre casse pubbliche nazionali, costrette a pagare più interessi agli investitori. Se questa crisi dell'Euro dovesse rientrare con un effetto limitato a un solo anno, l'impatto di un dilatato differenziale tra i rendimenti dei titoli italiani e tedeschi farebbe lievitare il costo del debito pubblico di 4-5 miliardi di Euro. Sempre a causa della mancata fiducia nei confronti della nostra economia, accade che le nostre banche già oggi vedono aumentare sul mercato il costo del “funding” e di conseguenza anche i consumatori vedranno aumentare i costi relativi a mutui e prestiti personali.

© 2010-2018 FairOne S.p.A. - P. IVA
- Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM n. M215 - PrestitiSupermarket.it è un servizio a Impatto Zero ©
Richiesto