Consulenza gratuita

800 901 905

Se vuoi chiamiamo noi

Prestiti: difficoltà crescenti per autonomi e precari

News prestiti
News prestiti
Prestiti: difficoltà crescenti per autonomi e precari

Prestiti: difficoltà crescenti per autonomi e precari

Prestiti: difficoltà crescenti per autonomi e precari
cornice immagine news

Pubblicato il
a cura di

L’ultima rilevazione di Banca d’Italia non lascia spazio a dubbi relativamente all’andamento dei tassi di interesse. Il TAEG medio per il credito al consumo a gennaio è aumentato al 4,55% dal 4,27% rilevato dalla banca centrale a dicembre. Nell’attuale contesto di mercato, sono in particolare specifiche categorie professionali, quali autonomi e precari, ad avere difficoltà crescenti nell’accesso ai finanziamenti, a fronte della rigidità delle banche nei confronti degli inquadramenti diversi dal tempo indeterminato.

Il dato rilevato evidenzia l’irrigidimento del comportamento delle banche, che d’altro lato si difendono sostenendo come siano i flussi di domanda a mostrare un significativo rallentamento. Effettivamente una riduzione della domanda c’è, se si pensa che il tasso di crescita dei prestiti è sceso di oltre 1 punto percentuale da novembre e dicembre (dal 3,5% al 2,3%).

Tuttavia, l’irrigidimento delle politiche di valutazione del merito creditizio è chiaro e si sostanzia in varie forme, quali la richiesta di apertura di un conto corrente presso l’istituto erogante, che consenta a quest’ultimo di monitorare i flussi di denaro in entrata nel corso dei mesi, o l’assistenza di un garante, che possa ridurre i rischi legati ad una possibile insolvenza del richiedente.

© 2010-2018 FairOne S.p.A. - P. IVA
- Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM n. M215 - PrestitiSupermarket.it è un servizio a Impatto Zero ©
Richiesto